• Home
  •  > Notizie
  •  > Muore ustionato mentre cucina solo in casa

Muore ustionato mentre cucina solo in casa

Terzo Gozzi, 82 anni, è stato trovato senza vita martedì sera: un amico ha lanciato l’allarme non riuscendo a contattarlo

QUATTRO CASTELLA. È rimasto vittima di un terribile infortunio domestico Terzo Gozzi, l’anziano trovato morto in casa martedì sera. Secondo quanto è stato possibile ricostruire dai carabinieri, l’82enne stava cucinando usando dell’olio bollente quando probabilmente una fiammata lo ha travolto e il fuoco ha avvolto i suoi vestiti.

Una tragedia, dunque, che purtroppo è stata scoperta solo quando per l’uomo non c’era più niente da fare. Probabilmente, ha cercato in qualche modo buttandosi a terra di spegnere le fiamme, ma il fuoco infine lo ha vinto. Quando in casa sono entrati i vigili del fuoco, il fornello era ancora acceso.

Aveva capito che qualcosa non andava l’amico che da tempo lo aiutava e lo seguiva.

Martedì verso le 18.30 lo aveva chiamato per accordarsi per l’indomani mattina, quando avrebbero dovuto recarsi insieme alle Poste. Ma né al cellulare né al telefono fisso aveva ottenuto risposta. Una cosa troppo insolita per fare finta di niente.

Così, si è recato davanti a casa sua, in via IV Novembre, ma anche al campanello non aveva ottenuto alcuna risposta. Eppure, si sentiva che il televisore era in funzione. Dunque, che Terzo Gozzi dovesse per forza essere in casa.

Allora l’amico ha chiamato la signora che si occupava delle pulizie, perché in possesso delle chiavi. Ma nemmeno questo si è rivelato risolutore: la serratura infatti era bloccata per via delle chiavi dentro la toppa, all’interno dell’abitazione.

A quel punto, non è rimasto altro da fare che chiedere aiuto al 115. Quando sul posto sono arrivati vigili del fuoco e carabinieri e sono riusciti a entrare nell’alloggio, purtroppo, quello che era un triste presagio si è rivelato una tragica realtà: Terzo Gozzi era a terra, ormai privo di vita. Tutto raccontava del terribile incidente domestico che lo ha ucciso, senza che l’anziano riuscisse a chiedere aiuto.

Gli accertamenti dei carabianieri di Quattro Castella hanno confermato che si è trattato di un tragico infortunio domestico.

La salma è già stata liberata, senza che la procura intendesse chiedere ulteriori accertamenti di natura autoptica. Saranno i parenti – il più vicino risulta un cugino – a occuparsi del funerale dell’anziano scomparso in modo tanto tragico.

Elisa Pederzoli

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Pubblicato su Gazzetta di Reggio