• Home
  •  > Notizie
  •  > Commozione alla pieve per l’addio a Matteotti

Commozione alla pieve per l’addio a Matteotti

CASTELLARANO. Sono stati in tanti a dare l’ultimo saluto a Giovanni Matteotti, morto sabato scorso a Gavardo, schiacciato dal proprio trattore, mentre stava raccogliendo balle di paglia. Per effetto del distanziamento sociale causato dal Covid, ieri pomeriggio la maggior parte delle persone è rimasta fuori, nel piazzale dell’antica pieve matildica di San Valentino.

Tantissima commozione fra i presenti, perché “Nanni” – così era soprannominato – era molto conosciuto e amato, soprattutto nell’ambiente degli appassionati degli sport equestri. Una passione innata per i cavalli che ha trasmesso a tantissime persone. In molti hanno portato le condoglianze alla moglie Maria e ai nipoti. Il parroco, don Giovanni Rossi, ha celebrato la triste cerimonia e ha ricordato la bontà d’animo e la grande disponibilità di “Nanni”.

Lunedì alle 19 è stato recitato il Rosario nella chiesa di San Valentino. Ieri il feretro è partito dalle camere mortuarie dell’ospedale di Sassuolo ed è arrivato alla chiesa di San Valentino. Al termine, il feretro è stato trasportato per l’ara crematoria di Modena.

Giovanni Matteotti avrebbe compiuto 67 anni nei prossimi giorni, il 26 giugno. Abitava a Ca’ Prodi di San Valentino ed era molto conosciuto. Guidava i trattori da “sempre” e aveva una piccola fattoria. Lascia la moglie Maria Giordano, i nipoti Francesca, Simone, Luca e Michele, le sorelle Lucia e Giulia, altri parenti e tanti amici.—

P.R.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato su Gazzetta di Reggio