• Home
  •  > Notizie
  •  > Il Cai reggiano in lutto per la scomparsa di Antonio Manzini

Il Cai reggiano in lutto per la scomparsa di Antonio Manzini

Socio del sodalizio dal 1965, diventò presidente nel 1977 I funerali oggi nella chiesa di Sant’Antonio a Rosta Nuova 

REGGIO EMILIA. La Sezione reggiana del Club Alpino Italiano è in lutto per la scomparsa di Antonio Manzini, deceduto domenica a 86 anni.

Manzini è stato una figura di spicco del Cai e dell’alpinismo reggiano. Socio del sodalizio dal 1965, era un grandissimo amante della montagna, che frequentava praticando intensamente l’alpinismo e l’escursionismo.

Appassionato anche di bicicletta, è stato tra i primi a Reggio Emilia a praticare lo scialpinismo: la sua passione l’aveva trasmessa ad altri soci del Cai, con i quali aveva dato vita con successo ai primi corsi di scialpinismo.

Era stato anche istruttore dei corsi di alpinismo e organizzatore di tante escursioni sull’Appennino.

Era stato negli anni ’70 più volte consigliere della sezione, fino a diventarne presidente dal 1977 al 1980, subentrando al presidente storico Mario Cavallini.

Con la sua presidenza il Cai si impegnò moltissimo a difesa dell’ambiente e della montagna reggiana. Manzini era infatti un ambientalista ante litteram, e il suo impegno e la sua serietà sui temi ecologici sono stati di esempio per tantissimi soci del Cai e non solo. Terminato il suo impegno come presidente, ha continuato ad essere attivissimo nel Cai, scrivendo anche molti articoli sul giornale Il Cusna dedicati all’Appennino e alle Alpi.

Chi l’ha conosciuto lo ricorda come una persona splendida, sempre attiva e disponibile con tutti: buono ma determinato nelle sue idee a difesa dell’ambiente. È sempre stato per tanti soci del Cai un punto di riferimento umano e culturale. Per anni ha svolto anche una intensa attività di volontariato nel campo sociale. Per molto tempo aveva svolto anche il ruolo di responsabile della fornitissima biblioteca del Cai, consapevole che per la frequentazione della montagna è necessario anche leggere e studiare. La Sezione reggiana del Cai esprime tutta la sua vicinanza alla moglie Fabrizia.

I funerali si svolgeranno oggi nella chiesa di Sant’Antonio, a Rosta Nuova, con partenza alle 11 dal Cimitero di Coviolo. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA.

 

Pubblicato su Gazzetta di Reggio