Chiese in Provincia di Reggio Emilia - città di : Chiesa di San Bernardino Confessore

Chiesa di San Bernardino Confessore
S. Bernardino C.

REGGIO EMILIA
via Ponte Forca - Seta, Cadelbosco di Sopra (RE)
Culto: Cattolico
Diocesi: Reggio Emilia - Guastalla
Tipologia: chiesa
La chiesa di Seta sorge in località rurale del territorio del comune di Cadelbosco di Sopra. Prospetta su un vasto spazio sistemato a ghiaia ed è circondata da un'area verde. La sua costruzione risale alla fine del XVII secolo. Sotto il profilo planimetrico la chiesa consta di un'unica navata con quattro cappelle laterali, prive di altare, e di un presbiterio rialzato con coro a terminazione rettilinea. Le linee architettoniche dell'interno sono definite da membrature essenziali che ritmano... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

La chiesa di Seta sorge in località rurale del territorio del comune di Cadelbosco di Sopra. Prospetta su un vasto spazio sistemato a ghiaia ed è circondata da un'area verde. La sua costruzione risale alla fine del XVII secolo. Sotto il profilo planimetrico la chiesa consta di un'unica navata con quattro cappelle laterali, prive di altare, e di un presbiterio rialzato con coro a terminazione rettilinea. Le linee architettoniche dell'interno sono definite da membrature essenziali che ritmano le pareti della navata. La trabeazione è assente. Al suo posto è stato creato un cornicione con lo stesso profilo dei capitelli delle paraste. Gli apparati decorativi pittorici si concentrano nella volta del presbiterio trattata a finti cassettoni con rosoni al centro e nelle volte a botte delle due cappelle vicino al presbiterio. Il fronte principale è privo di elementi decorativi. La porta centrale è sormontata da un riquadro, oggi vuoto, e da un finestrone. Le ali laterali sono leggermente arretrate rispetto al piano della facciata e sono più basse in quanto definiscono gli spazi occupati dalle cappelle. La sagrestia è situata sul lato nord. Il campanile, di semplice architettura, si trova sul lato opposto.

Impianto strutturale

La chiesa è realizzata con struttura portante in laterizio.

Pianta

Sotto il profilo planimetrico si sviluppa in un'unica navata suddivisa in tre campate e di un presbiterio rialzato con coro a terminazione rettilinea. Sulla navata si aprono quattro cappelle poste in corrispondenza delle campate maggiori. Sulla campata centrale più ridotta si affacciano una piccola cappella da un lato e un vestibolo con porta secondaria dall'altro. Il presbiterio comunica direttamente con la sagrestia sul lato nord e con il campanile sul lato sud. Dimensioni complessive dell'interno: larghezza 9,75 mt, lunghezza 19,30 mt. Dimensioni dell'aula: larghezza 6,65 mt, lunghezza 13,40 mt.

Interno

L'architettura dell'interno è definita da membrature dalle linee essenziali che scandiscono le pareti della navata e individuano le aperture ad arco delle cappelle laterali. La trabeazione è assente. Al suo posto è stato creato un cornicione avente lo stesso profilo dei capitelli delle paraste. Al di sopra si impostano le volte della navata, a botte quella centrale e a crociera le altre due, irrigidite tutte dagli archi trasversali. Le cappelle sono tutte prive di altari. Nelle prime due vicino all'ingresso sono collocati i confessionali. In quella di sinistra è conservato un dipinto raffigurante la Madonna Assunta restaurato alla fine degli anni '90 grazie al contributo di una banca locale. Nelle altre due sono presenti ancone la cui architettura richiama caratteri del tardo Seicento. Sulla sinistra dell'ingresso, una piccola nicchia accoglieva fino a qualche tempo fa il Fonte Battesimale. Il presbiterio è rialzato di tre gradini rispetto al piano della navata. A sinistra è posta la Croce a destra l'Ambone. Al centro è collocata una mensa in legno ma, in posizione più arretrata, è ancora presente ciò che resta del vecchio altare in legno dorato e in parte dipinto. Dietro ad esso sono disposti gli stalli in legno risalenti al 1847. Purtroppo la chiesa è stata privata di alcuni dipinti che sono stati trafugati in più riprese nell'arco degli ultimi anni. La Madonna del Rosario con San Bernardino, già nel coro, è stata rubata nel 1998 insieme ad un altro dipinto raffigurante la Madonna del Rosario con ai piedi due donne del XIX secolo. Nel 2002 è stata la volta di un dipinto raffigurante San Bernardino. Gli apparati decorativi pittorici si concentrano nella volta del presbiterio, trattata a finti cassettoni con rosoni al centro, e nelle volte a botte delle due cappelle vicino al presbiterio.

Illuminazione

L'apporto luminoso di origine naturale è favorito dalla presenza di quattro finestre nell'aula più una in facciata. Il coro è privo di finestre. L'impianto di illuminazione artificiale è garantito da moderni proiettori posti

XV sec. - XV sec. (preesistenze intero bene)

Secondo le fonti la parrocchia di Seta fu istituita intorno alla metà del XV secolo. Una riproduzione planimetrica contenuta nel Codice Marliani (metà XVII sec.) documenta l'antica chiesa orientata a nord-est e composta da un'unica navata con due cappelle laterali, un presbiterio poco profondo e un'abside poligonale. Sul lato rivolto a sud-est , tra l'abside e la cappella, si trovavano il campanile e un ampio locale identificato come canonica.

XVII sec. - XVII sec. (costruzione intero bene)

La chiesa viene ricostruita dalle fondamenta durante il rettorato di don Giovanni Maria Ferretti (dal 1664 al 1703). E' orientata canonicamente e consta di un'unica navata con coro rettangolare. Sembra che per la costruzione della nuova chiesa siano stati utilizzati i mattoni provenienti da un'imponente casa padronale demolita nelle vicinanze.

XIX sec. - XIX sec. (canonica intorno)

La canonica è stata ricostruita alla fine dell'Ottocento a spese del Comune.

XX sec. - XX sec. (restauri intero bene)

Nella prima metà vengono condotti lavori di restauro alla chiesa. Si ha notizia di interventi eseguiti nel 1931. Durante il periodo di permanenza di don Tazioli (dal 1951) viene restaurato il tetto della chiesa.

1996 - 1996 (restauro e risanamento intero bene)

Nel 1996 vengono intrapresi importanti lavori di restauro e risanamento delle murature. In particolare viene rifatta la copertura della chiesa e del campanile, vengono sostituiti gli intonaci ammalorati in tutto il perimetro murario, compresa la facciata, con nuovi intonaci per un'altezza di circa tre metri, e viene rifatto il tinteggio.

2004 - 2005 (consolidamento antisismico intero bene)

A seguito del sisma del 2000 viene redatto un progetto di restauro e miglioramento antisismico che prevede interventi di consolidamento sia nella chiesa che nel campanile.

Mappa

Cimiteri a REGGIO EMILIA

Viale Delle Rimembranze 1 Campegine (Re)

Via Beretti S. Reggio Emilia (Re)

Via San Faustino Rubiera (Re)

Onoranze funebri a REGGIO EMILIA

Cadelbosco Di Sopra

Via Provinciale 8/C Scandiano

23 Brescello Via Panizzi 42041 Brescello