Chiese in Provincia di Parma - città di : Santuario della Madonna di San Marco

Santuario della Madonna di San Marco

PARMA
Bedonia (PR)
Culto: Cattolico
Diocesi: Piacenza - Bobbio
Tipologia: chiesa
Il Santuario della Madonna di San Marco sorge in Bedonia, isolato, con orientamento Nord-Sud, preceduta da un ampio sagrato. Il sagrato è chiuso sui lati da un porticato ad arcate a tutto sesto, su pilastri dorici. La chiesa, in pietra a vista, presenta una monumentale facciata, in conci di pietra, coronata da un frontone triangolare. La facciata è caratterizzata da un portico coperto, aperto sul fronte da tre arcate a tutto sesto, cui si accede da una scalinata in pietra, nella parte... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

Il Santuario della Madonna di San Marco sorge in Bedonia, isolato, con orientamento Nord-Sud, preceduta da un ampio sagrato. Il sagrato è chiuso sui lati da un porticato ad arcate a tutto sesto, su pilastri dorici. La chiesa, in pietra a vista, presenta una monumentale facciata, in conci di pietra, coronata da un frontone triangolare. La facciata è caratterizzata da un portico coperto, aperto sul fronte da tre arcate a tutto sesto, cui si accede da una scalinata in pietra, nella parte inferiore e un loggiato in quella superiore, anch'esso aperto sul fronte da tre archi a tutto sesto, chiusi da balaustra. La parte superiore della facciata è scandita da lesene doriche, su basamenti continui, al di sotto dei quali corre una cornice in aggetto. Il timpano è dipinto interamente con la raffigurazione della Beata Annunciazione. Nella facciata si aprono tre portali, a tutto sesto,coronati da lunette con mosaici dorati. Al di sopra del portale centrale si apre un piccolo rosone circolare, con vetrata policroma. Al di sopra della navata si eleva l'imponente cupola su tamburo circolare, forato da una teoria di monofore a tutto sesto, separate da lesene doriche. La cupola ha una lanterna su colonnine, coperta da guglia conica, con manto in rame. Nei fronti laterali dei bracci del transetto si aprono due monofore a tutto sesto, per lato.

Pianta

Schema planimetrico a pianta centrale, a croce greca allungata, con i bracci coperti da volte a botte e separati da alte arcate a tutto sesto su pilastri dorici, a pianta quadrata, rivestiti di lastre di marmo rosa. Negli spazi tra i pilastri e l'incrocio dei bracci si aprono vani più bassi, di passaggio, coperti da soffitti piani. Nei bracci laterali del transetto si aprono, con archi a tutto sesto, su semicolnne in marmo rosa, tre vani, di cui quello centrale, a pianta semicircolare, coperto da volta a catino, che accoglie gli altari votivi, mentre quelli laterali, coperti da soffitti piani, accolgono i confessionali o gli accessi a locali di servizio. La campata centrale della navata è coperta dall'imponente cupola su tamburo circolare. Il presbiterio si apre sulla navata con un arco a tutto sesto, su ampi pilastri murali, con semicolonne, in mamro rosa, addossate. A unica campata, a pianta rettangolare, è coperto da volta a botte. Ai lati del presbiterio si aprono due cappelle votive, a pianta semicircolare, coperte da volte a catino. L'abside semicircolare è separata dal presbiterio da uno schrmo murario, nel quale si aprono tre arcate a tutto sesto, con lesene addossate, in mamro bianco, e lunetta supeririore dipinta.

Coperture

Tetti a falde con manto in coppi e cupola centrale con manto in rame.

Pavimenti e pavimentazioni

Pavimenti in marmo.

Elementi decorativi

Le volte e le lunette sono dipinte o decorate a mosaici, con soggetti religiosi.

Impianto strutturale

Strutture verticali in cemento armato a pilastri e travi e muri di tamponamento in pietra a vista.

XVII - XVII (origine intero bene)

Le origini del Santuario dedicato alla Madonna di San Marco, detto anche della Madonna della Consolazione, risalgono alla fine del XVII secolo quando fu costruito un oratorio dedicato a San Marco voluto dal Tenente Marco Lezoli nel 1685. Tale edificio in seguito venne trasformato nel primo Santuario della Madonna di San Marco.

XIX - XIX (costruzione seminario)

Nel XIX secolo attorno al Santuario si sviluppò il seminario vescovile.

1939 - 1955 (costruzione intero bene)

La prima pietra dell'attuale Santuario fu posta il 3 settembre 1939 da S.E. Mons. Menzani e da S.E. Mons. Pallaroni. Gli scavi ebbero inizio nel 1948. La cripta venne ultimata e coperta nel 1952. La costruzione della cupola e dei muri perimetrali terminò tra 1954-1955. Il progetto fu affidato agli architetti Robuschi e Sassi. L'edificio è caratterizzato dalla presenza di due grandi zone di culto: quella superiore decorata a mosaico e sormontata da una grande cupola, e quella inferiore, la cripta, dov'è conservata la Cappella del pozzo.

1960 - 1970 (costruzione porticati)

Intorno agli anni 1960-1970 furono edificati i due porticati laterali che incorniciano la piazza.

2006 - 2006 (rifacimenti cripta )

La zona della cripta risultava non finita e nel 2006 si provvide a un progetto di risistemazione e valorizzazione degli spazi al suo interno studiato dall'Ing. Paolo Scarpa.

Mappa

Cimiteri a PARMA

Strada Val Sporzana (Pr)

Via Domenico Galaverna Collecchio (Pr)

Via Po 1 Colorno (Pr)

Onoranze funebri a PARMA

Via Trieste 17 Fidenza

Via Caumont Caimi 6 Felino

Via D'azeglio Massimo 59 Parma