Chiese in Provincia di Parma - città di : Chiesa di Santa Giustina Vergine e Martire

Chiesa di Santa Giustina Vergine e Martire

PARMA
Santa Giustina Val Lecca, Bardi (PR)
Culto: Cattolico
Diocesi: Piacenza - Bobbio
Tipologia: chiesa
La chiesa di Santa Giustina sorge isolata in località Santa Giustina di Bardi, con orientamento Est-Ovest, preceduta da un ampio sagrato, chiuso sui lati da un muretto in pietra che sul lato Est ingloba la piccola Cappella, a forma basilicale con absidiola, in pietra a vista, dedicata a Santa Teresa. La facciata ottocentesca, in stile barocco, è a vento, penta partita da lesene tuscaniche che reggono trabeazioni, in aggetto, spezzate, che al secondo e terzo ordine si presentano mistilinee,... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

La chiesa di Santa Giustina sorge isolata in località Santa Giustina di Bardi, con orientamento Est-Ovest, preceduta da un ampio sagrato, chiuso sui lati da un muretto in pietra che sul lato Est ingloba la piccola Cappella, a forma basilicale con absidiola, in pietra a vista, dedicata a Santa Teresa. La facciata ottocentesca, in stile barocco, è a vento, penta partita da lesene tuscaniche che reggono trabeazioni, in aggetto, spezzate, che al secondo e terzo ordine si presentano mistilinee, curve. Al primo ordine tra lesena e lesena, la facciata è decorata con specchi ad angoli smussati, in cemento, in leggero aggetto, al centro si apre l'unico portale, a luce rettangolare, centinato, sormontato da gocciolatoio curvilineo. Al secondo ordine, tra lesena e lesena, si aprono basse nicchie a tutto sesto e al centro il finestrone rettangolare ad arco ribassato. Al terzo ordine si aprono al centro e ai due lati, tre nicchie ad arco a tutto sesto. I rampanti della vela sono curvilinei e seguono l'andamento della trabeazione, al colmo sormontati da un basso pinnacolo piramidale con croce in ferro. I fronti laterali sono tripartiti da due lesene tuscaniche centrali a tutta altezza. Al centro della prima e terza campata, nella parte alta si aprono due finestroni quadrati. Al fronte destro si addossa il volume, più basso della sagrestia e della sala parrocchiale. Sul retro l'edificio della Canonica si addossa al Presbiterio. Sul retro l'abside semicircolare è forata al centro, nella parte alta da un finestrone trilobato. Il volume del presbiterio si presenta più basso rispetto a quello della navata. Il campanile sorge e si addossa sul retro al Presbiterio, sul lato sinistro. A pianta quadrata su tre ordini, separati da leggere cornici marcapiano, con facciate decorate a specchi rettangolari, termina con una cella campanaria aperta sui quattro lati da monofore ad archi policentrici, trilobati. Le lesene d'angolo sorreggono una trabeazione spezzata curvilinea. Al di sopra della cella si erge un tamburo circolare, scandito da lesene, aperto su due lati da monofore a tutto sesto, coperto con cupola.

Pianta

Schema planimetrico ad aula, ad unica navata, a tre campate rettangolari, di cui la seconda meno profonda, voltate a botte. In corrispondenza della prima e terza campata si aprono, con archi a tutto sesto, a tutta altezza, sulla navata, due cappelle poco profonde, voltate a botte, che accolgono gli altari votivi dedicati rispettivamente, quello di destra a San Giuseppe, quello di sinistra alla Madonna Immacolata. La volta a botte della navata in corrispondenza di queste campate è forata dalle unghie degli archi a tutto sesto delle cappelle. In corrispondenza della seconda campata si aprono sulla navata, con bassi archi a tutto sesto, le cappelle votive, a pianta rettangolare, voltate a botte, dedicate, quella di destra al Cristo Morto, quella di sinistra a Santa Lucia. Al di sopra degli archi si trovano due nicchie, a tutto sesto, che accolgono le statue, a destra del Cristo, a sinistra di San Giuseppe. Le campate sono scandite da lesene doriche in leggero aggetto, al di sopra delle quali corre una trabeazione dorica, in aggetto, spezzata, lungo la navata il Presbiterio e l'abside. Il Presbiterio, rialzato di due gradini in marmo rosso di Verona, sul piano della chiesa, è a pianta rettangolare, voltato a botte, con la volta forata dalle unghie dei finestroni rettangolari del claristerio. L'abside semicircolare, scandito da lesene doriche è voltato a emicupola tripartita da archi in aggetto, che s'impostano al di sopra delle lesene. Le vele della volta sono forate dalle unghie del finestrone trilobato centrale e delle finestre cieche laterali.

Coperture

Tetto a due falde sulla navata centrale. Manto di copertura in tegole di cemento.

Pavimenti e pavimentazioni

Mattonelle in graniglia di cemento lungo la navata, in marmo rosso di Verona nel Presbiterio e abside.

Elementi decorativi

Le pareti e la volta della navata, de

XVIII - XVIII (costruzione intero bene)

La chiesa di santa Giustina compariva come cappella di Pione nell'estimo di Piacenza del 1352. L'edificio attuale è datato tra 1782-1783 (ma una lapide esterna reca il 1785). Venne consacrata il 2 luglio 1883 da Mons. Scalabrini. Internemente degni di nota sono un pulpito settecentesco di arte piacentina e i sedili del coro ascrivibili tra le opere di Romolo Campanini (circa 1780)

XX - XX (costruzione facciata )

La facciata pare risalire alla prima metà del secolo considerate le analogie con quelle di Giovanbattista Tami nelle parrocchiali di Parola e di Vidalenzo.

Mappa

Cimiteri a PARMA

Via Marazzuola 1 Salsomaggiore Terme (Pr)

Via Del Cimitero Traversetolo (Pr)

Strada Comunale Del Cimitero Zibello (Pr)

Onoranze funebri a PARMA

Via Gruppini 3/5 Sorbolo

Via Martiri Della Liberta' 127 Varano De' Melegari

Localita' Villa 35/B Bedonia